Anche ieri sera la stessa storia. Doveva venire a prendere Alessia alle 18.00, invece è arrivato alle 18:50. Lei, poverina, è rimasta incollata alla finestra ad aspettare il papà finché non è arrivato… queste cose mi fanno ribollire il sangue! Ma è possibile che non si renda conto che la piccola ne soffre? Gliel’ho detto mille volte, mi creda dottoressa. Lui arriva sempre con mille scuse: una volta è il lavoro, un’altra il traffico, un’altra un imprevisto con sua madre… non c’è verso, ragionare con lui è una vera perdita di tempo. Io ormai ci ho rinunciato.

Capisco che la situazione non sia semplice da gestire. La sua rabbia è comprensibile, ogni madre vorrebbe evitare sofferenze ai propri figli e vedere Alessia in pena per i ritardi del papà è una vera sofferenza anche per la mamma. Quello che le voglio dire, signora, è che se Lei chiude la comunicazione con il suo ex-marito le cose non potranno che peggiorare. Perché, vede, anche se ora la vostra comunicazione di coppia è carente e problematica è l’unica cosa che permette ad Alessia di avere accesso al suo papà. Per una bambina è sempre meglio avere un papà che arriva in ritardo e che (poco o tanto) delude le sue aspettative, che non avere nessun papà.

Eppure io, in momenti come ieri sera, arrivo anche a pensare che se fossimo solo noi due, io e Alessia, staremmo meglio… Alessia su di me può contare sempre, io non le darei dispiaceri, almeno non volontariamente o sistematicamente come fa lui…capisce cosa intendo dottoressa?

Capisco, ma se foste solo voi due, signora, a vostra figlia verrebbe a mancare l’esperienza di tutte quelle parti buone che invece il papà ha da offrire e che ogni figlio ha bisogno di sperimentare e custodire dentro di Sé assieme alle parti meno buone. Così, un giorno, Alessia potrà dire: “Mio padre non era mai puntuale, io lo aspettavo per ore in ansia con il naso incollato alla finestra, era bruttissimo… ma poi, quando arrivava mi abbracciava e mi ricordo che mi portava al cinema o in pasticceria… scherzavamo, parlavamo, io ero davvero felice di stare finalmente un po’ insieme a lui”.

Clicca e condividi:

Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più